12 apr

24-Camp-TOFU-Food eWine-Post01

 Com’è cambiato il modo di comunicare nel settore Food&Wine con l’avvento della Digital Trasformation? Quali abitudini di consumo sono mutate, quale modalità di comunicazione è più performante nell’era dei Social Media?

Com’è cambiato il modo di comunicare nel settore Food&Wine con l’avvento della Digital Trasformation? Quali abitudini di consumo sono mutate, quale modalità di comunicazione è più performante nell’era dei Social Media?

Il Nuovo Millennio ha portato a nuovi modelli di vendita anche in un settore tradizionale come l’alimentare, per esempio la crescita di servizi di acquisto online e servizi a domicilio, l’introduzione delle casse automatiche nei supermercati, la crescita dei marketplace dedicati.

Le PMI nel settore Food stanno cavalcando questi cambiamenti o arrancano ancora alla ricerca di una nuova via da intraprendere? Proviamo a mettere un po’ d’ordine tra i numeri per capire come il settore è posizionato sul mercato.

DATI STATISTICI SUL COMPARTO ALIMENTARE: RISULTATI DEL 2017

Secondo una dichiarazione rilasciata dal Presidente Federfarma per la presentazione della nuova edizione di CIBUS Parma “Il comparto alimentare ha chiuso il 2017 con risultati rilevanti: lexport è aumentato del +7% sullanno precedente ed anche le vendite sul mercato interno fanno segnare una debole ma incoraggiante crescita del +0,8%.

Per quanto riguarda lexport dellindustria alimentare la stima a fine 2017 era di 32,1 miliardi di euro. Arrivati ad un fatturato complessivo di 137 miliardi di euro (190 circa se consideriamo lintero comparto agroalimentare, comprensivo del primario), le industrie italiane hanno puntano nel 2018 a rinnovare il buon passo del 2017, con aumenti di produzione ed export prossimi, rispettivamente, al +2% e al +7%, e un aumento delle vendite interne più tonico, fra il +1% e il +2%”.

D’altronde il buon cibo è uno dei piaceri a cui noi italiani non sapremmo mai rinunciare, ci piace produrlo, mangiarlo, venderlo e della cultura alimentare abbiamo fatto una bandiera che ci rappresenta anche all’estero. Senza dimenticare un’altra eccellenza del Bel Paese che ci viene riconosciuta in tutto il Mondo: il vino.

 

IL VINO, MOTORE TRAINANTE DEL FOOD&BEVERAGE

La 52° edizione di Vinitaly (Verona, dal 15 al 18 aprile 2018) , la più grande manifestazione del settore enologico, ha registrato tra i trend del 2017 la continua crescita della vendita di vino di qualità nella Grande Distribuzione. Questo quanto emerge dalla ricerca elaborata per Vinitaly dall’istituto di ricerca IRI sui consumi di vino nella Grande distribuzione nel 2017).

Gli italiani hanno acquistato 648 milioni di litri nella Grande distribuzione, sempre più il canale di vendita principale del vino, per un valore che vede il traguardo dei 2 miliardi di euro (1 miliardo e 849 mila milioni di euro), dati inclusivi dei Discount.

Fino a qualche anno fa la presenza in GDO delle etichette era limitato a prodotti di basso prezzo, poi piano piano gli scaffali si sono riempiti di bottiglie allargando sempre di più il ventaglio di proposte, annoverando Cantine con nomi prestigiosi.

 

PRODOTTI PREMIUM E BIOLOGICI NELLA GDO

Lo stesso discorso vale per i prodotti alimentari di fascia medio-alta, come rileva un’indagine condotta da Nielsen, il biologico diventa uno degli elementi principali della crescita dei fatturati della distribuzione: “laumento delle vendite di prodotti biologici dà infatti un contributo di 0,5 punti al trend dellalimentare (+4,2%).

Importante sottolineare il ruolo della Marca del Distributore, che ha saputo subito rispondere alla domanda, ma che ultimamente vede calare la propria quota nel settore, da 41,3% a 41,1% – con un trend che rimane comunque positivo: +15,3%”, così come registra in un altro report che “nel mercato si registra una forte crescita dei prodotti premium, cioè di tutti quei prodotti con un prezzo superiore del 20% rispetto alla media del mercato”.

Il dato interessante però è che a distinguere un prodotto Premium non è tanto (o solo) il prezzo, ma “la qualità degli ingredienti o dei materiali con cui sono fatti rappresenta il primo requisito per il 45% dei consumatori.

Seguono poi lofferta di funzioni/performance superiori rispetto agli altri prodotti, la capacità di fare cose in più rispetto al resto del mercato, ma anche lofferta di una customer experience di livello superiore (rispettivamente 39%, 34% e 30%). In linea con i trend degli ultimi anni la ricerca mostra inoltre come gli attributi “green” dei prodotti si traducano in un forte potenziale premium.

Gli italiani dichiarano infatti di essere disposti a pagare un prezzo più elevato per i prodotti ecosostenibili (20%) e ancora di più per quelli composti da ingredienti naturali e biologici (22%)”.

Un dato estremamente interessante è l’emergere in questa categoria di prodotti di brand di nicchia, piccole e medie aziende del settore food che hanno saputo adottare strategie di differenziazione vincenti rispetto al mercato dei grandi leader.

 

IL DIGITAL MARKETING FA CRESCERE LE VENDITE DEI PICCOLI MARCHI

In questo contesto, la strategia di comunicazione delle PMI del settore FOOD entra a pieno titolo nel merito della crescita delle vendite. Va, inoltre, sottolineato come il marketing digitale sia stato in grado di dare anche alle piccole aziende la forza rosicchiare fette di mercato alle grandi catene grazie alla facilità di accesso agli strumenti pubblicitari online per bassi costi e semplicità d’uso.

La vera forza, però, sta nel riuscire a dosare e sperimentare con intelligenza una strategia di marketing mix, dove l’omni-canalità è ancora una risposta vincente, soprattutto nella fase di consolidamento del marchio.

Come può, quindi, una piccola azienda produttrice riuscire ad arrivare sugli scaffali dei supermercati e rosicare una fetta di mercato alle grandi catene del food? Come riesce ad aumentare le vendite nel settore food e Wine con marketing e digital strategy ? Alcuni spunti utili nel paragrafo successivo.

 

I PASSI FONDAMENTALI PER AUMENTARE IL FATTURATO NEL FOOD&WINE.

Vediamo assieme i passi fondamentali:

Fare Brand awareness nel settore alimentare

La costruzione di una Brand Identity fortemente ancorata ai valori di marca, dalla progettazione di Naming e Logotipo, ad una più estesa e approfondita valorizzazione dei propri plus con una comunicazione coerente che emerge anche nella realizzazione di tutti i materiali inerenti il prodotto, dal packaging alla promozione, sono le fondamenta su cui innestare tutta la comunicazione aziendale.
Stabilire una presenza forte sui Social Network è fondamentale per chi opera nel food. Il Re del social food per eccellenza è Instagram, un canale che non deve essere mai trascurato e su cui è necessario innestare un’importante strategia di visual content. Tra i trend registrati negli ultimi anni, la condivisione degli scatti degli utenti di piatti e ricette è tra i più significativi.
Questi contenuti generati dal basso, i cosiddetti User Generated Content, sono una risorsa incredibile per le aziende del food & wine. Un’idea di creative strategy la trovi a questo articolo: Food & Wine e Social media marketing ma con l'inbound.

Inoltre, soprattutto in ambito food e turismo, le recensioni sono un potente strumento di marketing, inserite in un’accurata strategia di inbound marketing. Ne abbiamo parlato diffusamente qui:  Inbound e recensioni come motore di business.

 

IL MARKETING MIX NEL COMPARTO ALIMENTARE: RISPOSTA VINCENTE

  • I canali di comunicazione tradizionale nel settore food sono ancora necessari: saper progettare una campagna pubblicitaria sui mezzi di massa come radio e stampa - per non parlare della TV - scegliendo con accuratezza i media su cui pianificare; saper progettare cataloghi accattivanti, soprattutto nel b2b, che non siano solo la riproduzione di una scheda prodotto ma che sappiano evocare i valori di marca, con l’utilizzo di tecniche di virtual photography, l’inserimento di markers che conducano l’utente ad un’esperienza immersiva di realtà virtuale
  • Piattaforma o sito internet? Il sito web che rappresentava la vetrina aziendale è un modello superato da un pezzo, occorre saper progettare siti internet in grado di accogliere l’utente e intrattenerlo con contenuti ad alto valore aggiunto, ingaggiarlo sui temi che più gli sono congeniali, e saper intrattenere una relazione duratura per tutto il percorso del buyer journey e oltre.
  • Per farlo, però, ogni azienda deve essere in grado di identificare il proprio cliente ideale (buyer personas), targetizzare la propria audience e, solo, a quel punto riuscirà a costruire messaggi e contenuti realmente utili per i propri lead (contatti a target).
Questa è la base dell’Inbound marketing, ne abbiamo parlato diffusamente, ma qui troverete alcuni esempi di applicazione dell’inbound marketing al vostro settore: Come fare lead generation con l'inbound marketing nel food & wine. Quali sono gli strumenti e le strategie per fare lead generation e strutturare database di contatti di qualità?

Fare lead generation nel Food con i social network: Linkedin- facebook e adwords a confronto. 

In questo post affrontiamo in modo particolare l’utilizzo di Facebook e LinkedIn. Sia, dal punto di vista di un’esigenza b2b, sia b2c. Partendo da due situazioni tipiche precise: l’azienda alimentare che ha come clienti supermercati, negozi, ristoranti e deve intercettare sia i titolari e buyer per la vendita dei propri prodotti, sia un esempio tipico di business to consumer, ovvero il ristorante.

In entrambe le situazioni quello che emerge è la necessità di affiancare alle attività di tipo organico, quindi piano editoriale e management delle pagine, anche quelle a pagamento. Quindi le feature avanzate di Linkedin che consentono di fare attività di Lead Generation da profilo, ma anche le campagne di advertising con moduli per la raccolta dati, così come le sponsorizzate Facebook che consentono la creazione di landing page semplificate direttamente in piattaforma con form incluso.

 

Lead Generation nelle fiere. Un'occasione da non perdere.

Poi ci sono occasioni speciali, per esempio le esposizioni fieristiche in cui le attività per la raccolta contatti sono fondamentali e vanno curate con metodo. Ne abbiamo parlato in questo articolo: Come Fare lead generation nelle fiere del food & wine. 

Abbiamo messo in evidenza come durante le fiere l’ottimizzazione della raccolta contatti sia fondamentale, vista la complessità della situazione ma anche l’ammontare del budget investito. 

Ovviamente, per avere la massima affluenza allo stand, di contatti in target, le attività di marketing da progettare sono rilevanti e devono essere pianificate con mesi di anticipo e non solo a ridosso dell’evento. Per cui abbiamo messo in luce come, anche in questo caso, il sito web, i social network, le e-mail e tutti i canali digitali aziendali, inseriti in un accurata strategia di inbound marketing, siano in grado di favorire, accelerare e sistemizzare la lead generation, garantendone un elevato ROI. 

 

Come progettare un sito per aumentare le visite nei punti vendita?

In un altro post, abbiamo parlato di come progettare un sito per aumentare le visite nei punti vendita. In primo luogo, verificando che il sito web aziendale corrisponda a quei criteri di base dell’usabilità che garantiscano all’utente di reperire tutte le informazioni di cui necessita, in modo semplice ed efficace.

 Troppo spesso, infatti, per rispondere a logiche lontano a quelle dell’utilizzatore finale, si rischia di puntare tutto sull’impatto grafico, tralasciando la chiarezza strutturale e l’efficacia di un buon copy.

 A questi temi di base, si aggiunge la necessità di essere, prima, intercettati in rete, dall’utente che compie un a ricerca - ed in questo aspetto entra in gioco la SEO che può essere aiutata e potenziata da un blog pensato in ottica di inbound marketing - e poi, dirottare quello stesso utente nei punti vendita. Come? Ve lo spieghiamo nel dettaglio qui: 4 idee per aumentare le visite nei punti vendita grazie al sito.

La questione marketing mix, ovviamente, si ripercuote anche nei punti vendita. Riuscire ad integrare perfettamente strategie di vendita online e offline sembra un’impresa titanica, ma non lo è. Quando il sito web viene concepito come uno strumento a supporto del business e, non solo un mero strumento di comunicazione/vetrina, i risultati non si fanno attendere e possono spostare le vendite perfino nei negozi fisici.

 

Sito e Social come strumento di attrazione del punto vendita.

 Nel seguente articolo- Come aumentare le visite nel punto vendita del food con fb e adw - invece ci siamo focalizzati su come usare Facebook e Annunci Google Adwords per portare le persone nei negozi.

Esistono, infatti, funzioni specifiche per queste due piattaforme che consentono la promozione dei punti vendita fisici. 

Nel caso di Facebook, le campagna con obiettivo visite al punto vendita, disponibile solo da Business Manager, invece per Google si apre un mondo sui prodotti associabili agli annunci a pagamento, dalla scheda My Business all’ormai usatissimo Google Maps. 

Tali annunci mostrano l'indirizzo del ristorante cliccabile con le indicazioni stradali per raggiungere l’ attività con Google Maps.

  

Ora che i clienti entrano e comprano, dove possiamo agire per fidelizzarli?

Sempre per restare in ambito marketing mix è importante capire come Fidelizzare il cliente  attraverso la progettazione di packaging intelligenti, in grado non solo di attrarre visivamente il cliente, ma anche di informarlo sul prodotto stesso e su altri messaggi che l’azienda vuole veicolare, dai valori del marchio fino alla promozione di Concorsi a premi. 

Senza dimenticare la possibilità di creare un ponte tra online e offline, applicando sulle confezioni stesse QR Code che rimandino a Landing Page specifiche per approfondimenti, video promozionali. Landing page per la raccolta dati e molto altro. Basta solo un po’ di creatività strategica per raggiungere i propri obiettivi aziendali.

Attenzione però a non scivolare in errore da principiante quando si lavora nel canale della grande distribuzione : vedi " 3 errori da evitare se vuoi vendere nella GDO

Una sorta di riepilogo generale su quanto, invece, un’azienda dovrebbe avere tra i to-do più urgenti: dall’importanza di avere una Corporate Identity, spesso lasciata al caso o poco sfruttata, alla necessità di avere un sito internet performante, fino appunto alla comunicazione in-site: materiali a supporto della vendita nei negozi e supermercati. Un piccolo riassunto che evidenza in modo sintetico i punti chiave di un marchio di successo nella Grande Distribuzione, dove il colpo d’occhio, la velocità e la capacità attrattiva sono elementi essenziali per la riuscita di un prodotto. 

 

Quindi, per concludere: saper realizzare un sito web in grado di generare conversioni, con la giusta strategia di contenuti, generare nuovi utenti a target (lead), convertirli e fidelizzarli è possibile seguendo la metodologia dell’Inbound Marketing.

 

Qui sotto troverai una agile Guida all’Inbound Marketing ti invitiamo a leggerla e diffonderla, è ancora gratis !


New Call-to-action

Topics: Food & Wine

MGA Group

Scritto da MGA Group

I migliori articoli di marketing direttamente dal nostro blog

DIRITTI DEGLI INTERESSATI I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettifica (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003) e successivo (art. 7 EU RGDP 679/2016).. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte ad MGA Group- Via Ca' Nova Zampieri 4- 37137 San Giovanni Lupatoto (VR)- ITALIA mail: info@mgagroup.it ad eccezione di soggetti ai quali la comunicazione stessa sia dovuta in adempimento ad obblighi previsti dalla Legge. SERVIZI HubSpot Questo tipo di servizi permettono al Titolare di costruire profili utente partendo da un indirizzo email, il nome o qualunque altra informazione che l'Utente fornisce a questa Applicazione, così come di tracciare le attività dell'Utente tramite funzionalità statistiche. Questi Dati Personali potrebbero inoltre venire incrociati con informazioni sull'Utente disponibili pubblicamente (come i profili sui social network) ed usati per costruire profili privati che il Titolare può visualizzare ed utilizzare per migliorare questa Applicazione.Alcuni di questi servizi potrebbero inoltre permettere l'invio programmato di messaggi all'Utente, come email basate su azioni specifiche compiute su questa Applicazione. Per maggiori informazioni si rimanda alla versione estesa della nostra politica Privacy e Cookies