15 ott

hexibit_blog_1

L'Exhibition Design, viene definito da chi istruisce corsi e master sull’argomento, come quella pratica progettuale che, coinvolgendo luoghi e spazi , predispone concettualmente e fisicamente architetture per allestimenti e installazioni rivolte alla comunicazione nel suo significato più ampio.

Mostre, stand, negozi, fiere, musei, luoghi del commercio, dello scambio e dell'incontro, punti vendita, spazi delle arti , vie e piazze pubbliche urbane si avvalgono del progetto di allestimento espositivo. La sintesi di un perfezionamento continuo di competenze che ruotano attorno al rapporto tra “architettura di interni” e “architettura dell’esporre” .

Il mercato competitivo oggi impone sempre di più realizzazioni attenzionali che diano la dovuta cura estetica a tutto ciò che circonda il prodotto.

Se l’obiettivo ad esempio è un sistema espositivo per la presentazione di un prodotto, la conoscenza progettuale in diversi ambiti porta a soluzioni trasversali e avanzate per offrire sistemi concretamente realizzabili e a basso impatto economico.

Anche se l’obiettivo è il design di prodotto, l’esigenza è quella di generare prodotti attraenti, vincenti, per lo stile e il tasso di innovazione, nonché ingegnerizzati per il miglior rapporto qualità/prezzo; fattori che assieme alle strategie di marketing aziendale ne condizionano il posizionamento desiderato per il proprio mercato di riferimento.

Ma l’obiettivo per le aziende è oggi ancor di più, comunicare i propri valori, la propria personalità, condividere il proprio IO con il pubblico, sia che si tratti di un’azienda che appartenga al mondo del food, del Pet, dell’arredo, della meccanica o dell’ automotive.

Migliorare e soprattutto condividere la propria immagine, dare emozione, avere quell’elemento scenografico ”wow” sono esigenze che devono necessariamente essere tradotte in un progetto concreto globale pensato per visitatori sempre più colti, preparati e connessi, alimentati dal desiderio di informazioni sempre più specifiche e dal desiderio di osservare qualcosa di nuovo e unico.

Ogni settore e manifestazione fieristica è un mondo a sè, come il Sie o AIOM per la Farmaceutica, Progetto Fuoco  a Verona o Ish di Francoforte per il settore del riscaldamento , o Tutto Food per l’alimentare, R&T di Stoccarda per aziende dell’automazione, Zoomark per il Pet e così via.

Realtà molto diverse ma con il denominatore comune di alimentare una sfida di alto livello che, se ben preparata attraverso un complesso incastro di varie competenze, darà sicuramente i suoi frutti ed un ROI misurabile, se gestito con le nuove tecniche digital riferite al viaggio dell'acquirente ovvero il percorso psicologico che ognuno di noi segue per arrivare all’acquisto.

 

SCOPRIAMO ORA I 6 PASSI PER OTTENERE PIU' VISIBILITA' E ATTRAZIONE IN UN EVENTO FIERISTICO.

Il Concept creativo: progettazione e sviluppo. 

L’Exhibit Design per realizzare lo Stand è un processo collaborativo che integra architettura, interior design, progettazione grafica, promozione e innovazione tecnologica, per far emergere con chiarezza i valori della tua azienda. Per far ciò è molto importante la progettazione e lo stile dello stand, tanto quanto il coordinamento strategico di tutta la comunicazione informativa e promozionale che ruota attorno all’evento.

La progettazione di uno Stand deve tenere conto della Brand Image aziendale, metterla al centro, saper far emergere quei valori di marca che sono strettamente connessi con l’immagine corporate. Non tenere in considerazione ciò sarebbe un errore madornale, uno Stand fieristico, infatti, non è solo un mero espositore di prodotti, ma un vero e proprio veicolo di marketing.

Tutti gli elementi che compongono uno stand aziendale devono avere una logica nel processo di comunicazione espositivo per essere efficaci e fare ciò che un’azienda si aspetta: attirare il giusto pubblico, garantire la corretta gestione del flusso di clienti, veicolare i messaggi aziendali nel modo più mirato e diretto possibile, esporre i prodotti in modo efficace ed efficiente e, ovviamente,  favorire le relazioni e le vendite.

La presenza in fiera scatena il desiderio di aumentare clientela e vendite ma per ottenere questi obiettivi ci sono azioni che partono dal progetto, seguendo delle "regole non scritte" che abbiamo messo nero su bianco per il processo di progettazione a tutto tondo. Eccone alcune:

  • Come attirare clienti allo stand
  • Usa un claim per qualificarti
  • La Scenografia
  • I Colori
  • Non riempire di prodotti lo stand
  • Gioca sulla verticalità
  • I grandi spazi con idee di design

Scopri tutti gli step qui:  "Stand Fieristico: 17 idee offline per distinguersi."

 

Una visione strategica di insieme per uno stand da 10 e lode

Avere una visione d'insieme della strategia di marketing che sarà in grado di rendere lo Stand un luogo dove fare business è fondamentale, perciò la collaborazione con un’agenzia che sappia produrre e seguire INTERNAMENTE le tappe creative, progettuale ed esecutive a 360° gradi è la soluzione più idonea.

In questo modo, l’agenzia di design & comunicazione che realizza lo Stand fieristico ( poche sono specializzate in questo) è in grado di pensare e gestire ogni passaggio, in perfetta sintonia con l’azienda committente, senza mai perdere di vista l’obiettivo finale, nello scenario complessivo e generale delle attività che saranno messe in atto.

 

Crea Sinergia con la Comunicazione Integrata

Devi mettere a punto un sistema di lavoro in cui collabori ogni comparto: architetti, designer, grafici, copywriter, addetti stampa e social media strategist. Solo In questo modo la copertura di tutte le attività idonee al successo dell’evento sarà completa e sinergica con il tuo contenuto.

Online e offline non devono farsi la guerra, ma essere integrati in un sistema di marketing che sappia convergere verso i risultati attesi dall’azienda. In un momento specifico come quello fieristico, in cui l’elemento umano-tattile prevale su quello smaterializzato del web, l'impresa di design & comunicazione deve essere in grado di aiutare il cliente nel rendere ancora più performante tutta la comunicazione e le attività promozionali collegate.

 

Il Digitale nelle Fiere, risorsa di business

Come affrontato dettagliatamente nell’articolo "Potenzia il tuo brand nelle Fiere B2B, con la digital-strategy"

La trasformazione digitale integra e coinvolge tutto il sistema aziendale. Non soppianta il modo tradizionale di fare le cose, ma lo arricchisce con nuove soluzioni e possibilità. L'innovazione che il digitale porta ogni giorno con sé ci consente di esplorare opportunità mai provate prima, purché si sia in grado di pensarle inserite nella nostra strategia aziendale.

Ed è soprattutto dal punto di vista del marketing e delle vendite che la trasformazione digitale può dare frutti, applicata anche ad attività tradizionali come le fiere, appunto”.

 

L’effetto “attesa”. Campagna teaser on line e off line.

 Prima di un evento importante come quello fieristico, creare attesa su quanto andrai ad esporre è dovuto. Metti al centro i contenuti informativi, dai notizie concrete che sveleranno poi, solo durante l’evento, il risultato del duro lavoro che avete sostenuto.

Dando per assodate tutte le attività off-line pianificate ed attuate nei mesi precedenti alla partecipazione fieristica, quindi, quali sono gli strumenti del digitale per creare attesa prima di una Fiera? Quali le azioni da compiere, ad esempio, sul tuo sito internet per aiutare ed incrementarne i processi? Call-to-action, Landing Page, Blog e Banner pubblicitari sì, ma come? Ne abbiamo parlato diffusamente in questo articolo: La Fiera B2B: le Attività on line da fare prima dell'evento.

 

Contenuti Pertinenti per veicolare traffico verso il sito internet

E se la necessità fosse quella di veicolare nuovo traffico di qualità verso il sito aziendale?

Creando contenuti progettati per risolvere i problemi e le esigenze dei tuoi potenziali clienti, potrai attrarre prospect che potrai qualificare e costruire credibilità per la tua azienda. Tali contenuti saranno, poi, diffusi tramite blogpost, social networks ed e-mail. Questa strategia è alla base dell’Inbound marketing, di cui abbiamo parlato diffusamente in molti articoli del blog perché rientra tra i migliori servizi che MGA può offrire: Inbound Marketing.

In questo post puoi approfondire l’argomento:

Vedi: Aumentare il traffico sul sito, prima di una fiera B2B.         

 

Web e Social. Il tuo piano di comunicazione 

Anche durante la Fiera è fondamentale che espositori e visitatori abbiamo accesso ad una rete Internet, sia per le attività specifiche lavorative, quali inviare email, accedere a cataloghi virtuali, compilare form online, accedere a contenuti esclusivi tramite QR code e molto altro, sia per attività di diffusione e promozione dell’evento stesso.

La comunicazione sul web e attraverso i social network è ormai caposaldo per ogni evento di successo. I progetti di comunicazione mixano perfettamente le attività off-line con quelle on-line, coinvolgendo blogger, influencers e testate web, creando traffico sul sito web durante l’evento stesso, per esempio organizzando momenti di social media sharing live.

 

Eventi Live con le Digital PR, su tutte le piattaforme

Questa modalità di intrecciare online ed offline è possibile quando alla base c’è un concept forte ed una strategia costruita nel tempo. L’ abbiamo testata con successo noi di MGA con un evento live che ha visto raggiungere 51.454 persone in una sola mattinata, solo su Facebook (per leggere la Case History: "Come creare eventi di successo nelle fiere B2B con le digital PR."

 

Dopo la Fiera: mantenere le relazioni e chiudere le vendite

L’attività non si ferma al prima e all’evento stesso, ma è fondamentale proseguirla anche dopo per consolidare e riattivare i contatti ricevuti o dormienti attraverso la condivisione delle iniziative proposte in fiera, ripresentando i nuovi prodotti, i plus e le caratteristiche di punta.

Come farlo? Sicuramente l’email resta uno strumento validissimo, a dispetto di quanto spesso si evochi la sua “morte” come strumento efficace di digital marketing, è ancora un sistema valido per veicolare contenuti di approfondimento, invitare le persone a compiere un'azione per una determinata call-to-action, fare azioni follow-up. Ne parliamo qui "Come gestire i contatti dopo una fiera b2b" .

Ne abbiamo già parlato, ma crediamo che supportare le nostri tesi con i numeri sia utile, quanto doveroso:  “Secondo l'Osservatorio Statistico 2017 di Mail-Up, su un totale di 12,4 miliardi di email aziendali inviate, le aperture totali sull'anno precedente sono aumentate del 35, 7% , cresce anche il numero di click grazie anche all'utilizzo sempre più diffuso di template responsive”.

Questo a significare che l’invio di email, se pensato correttamente e usato strategicamente, è fondamentale per riagganciare i nostri lead post-fiera. Quali email inviare dunque? Per una rapida carrellata vi invitiamo a leggere questo articolo di approfondimento: "I contatti dopo una fiera: 5 e-mail che devi assolutamente inviare"

 

 

L'Estero come per L'Italia: la visione a 360° per uno stand che funzioni.

Tutto ciò che abbiamo raccontato fin qui è valido anche per le Fiere all’estero? Certamente, questo è un approccio che in MGA abbiamo sperimentato con successo sia in fiere italiane, sia in fiere di respiro internazionale; ne sono un esempio i progetti di exhibit design realizzati per BFT spa, marchio internazionale nel settore dell’automazione per contesti residenziali, commerciali ed urbani per gli eventi  R+T a Stoccarda e Intertraffic ad Amsterdam o, ancora, lo Stand per LaNordica-Extraflame, Gruppo leader internazionale nella produzione e vendita di prodotti a legna e biomassa, portato a Progetto Fuoco 2018, di cui potete leggere un approfondimento in questo articolo sui "nuovi progetti internazionali di exhibit design."  

 

Questo articolo ti è stato utile? Confidiamo che ti abbia dato tutti gli spunti necessari per rivedere l’organizzazione globale del tuo prossimo evento in ottica di potenziamento di business. 

Per approfondire le tematiche inerenti il tuo prossimo evento e attivare le vari fasi per incrementare i visitatori e acquisire nuovi clienti, scarica l'eBook gratuito.

  

ebook exhibit design e comunicazione

Topics: Exhibit design e comunicazione

MGA Group

Scritto da MGA Group

Non perdere i nuovi articoli del blog. Fai arrivare le ultime novità

DIRITTI DEGLI INTERESSATI I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettifica (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003) e successivo (art. 7 EU RGDP 679/2016).. Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte ad MGA Group- Via Ca' Nova Zampieri 4- 37137 San Giovanni Lupatoto (VR)- ITALIA mail: info@mgagroup.it ad eccezione di soggetti ai quali la comunicazione stessa sia dovuta in adempimento ad obblighi previsti dalla Legge. SERVIZI HubSpot Questo tipo di servizi permettono al Titolare di costruire profili utente partendo da un indirizzo email, il nome o qualunque altra informazione che l'Utente fornisce a questa Applicazione, così come di tracciare le attività dell'Utente tramite funzionalità statistiche. Questi Dati Personali potrebbero inoltre venire incrociati con informazioni sull'Utente disponibili pubblicamente (come i profili sui social network) ed usati per costruire profili privati che il Titolare può visualizzare ed utilizzare per migliorare questa Applicazione.Alcuni di questi servizi potrebbero inoltre permettere l'invio programmato di messaggi all'Utente, come email basate su azioni specifiche compiute su questa Applicazione. Per maggiori informazioni si rimanda alla versione estesa della nostra politica Privacy e Cookies